Film d'autore

“Disobedience” da Giovedì 01 a Domenica 4

Prendendo la Torah per le corna!

Tutti sembrano troppo impegnati a guardare gli Avengers, ma vale la pena dare un’occhiata anche a Disobedience – una magia scritta, recitata e diretta splendidamente, così fuori dall’universo Marvel da pensare che i problemi della gente reale siano più interessanti di quelli di un mix di supereroi. Ronit è un’espatriata inglese che lavora a New York come fotografa. Alcuni anni dopo torna a Londra, nella comunità di ebrei ortodossi da cui si era esiliata, per presenziare al funerale di un padre assente

di Peter Travers Rolling Stone

 

Ambientato nella comunità ebraica ortodossa della Londra contemporanea, il film racconta la storia della emancipata e anticonformista Ronit che torna a casa per i funerali del padre. L’incontro con la più timida Esti, con cui ha aveva avuto un amore giovanile, ora sposata con suo cugino. Tra le due donne si riaccende una passione proibita.

La telecamera del regista Sebastián Lelio ( Una donna fantastica ) sfrutta le aree grigie di fondo della fede e dell’amore; la palette di colori enfatizza il grigiore, nelle strade di Londra, gli abiti dei cuccioli, persino la scena del sesso tra Ronit ed Esti. Ma la macchina fotografica è sensibile nel fotografare le donne, evitando l’oggettivazione o la nudità solo per il gusto della titillazione. La scena d’amore è esplicita senza mostrare corpi nudi, utilizzando primi piani delle donne per mettere in contatto l’osservatore con la loro esperienza. È tanto su ciò che non vediamo quanto riguarda ciò che facciamo.

La disobbedienza rende molto di ciò che non viene detto, a chi non è permesso toccare chi, le cose che non possono essere espresse tra i personaggi all’interno di una comunità insulare. Ci sono momenti di eccezionale bellezza in questo film, calore e affetto che trapassano attraverso la repressione, l’amore che interagisce con la fede, la necessità di espandersi oltre i confini di un mondo ortodosso. Il film riguarda in definitiva la libertà, l’amore e i prezzi che a volte dobbiamo pagare per entrambi.