Film d'autore

“L’età Giovane” Prossimamente

UNA SCRITTURA ATTENTISSIMA PER UN’OPERA CHE DENUNCIA I CATTIVI MAESTRI, SENZA FALSE RETICENZE, SENZA ABBANDONARE LA SPERANZA.

 

Dopo l’attentato della metro di Maalbek a Bruxelles nel 2016 il tema della radicalizzazione è venuto alla ribalta. Qual è stato il vostro pensiero per affrontare questo tema?
Siamo partiti dalla considerazione che i massacri perpetrati in Belgio e in Francia erano compiuti da giovani belgi e francesi. Se il nostro cinema è conosciuto come quello che guarda al mondo, cerca di fare luce, di aprire un dibattito su argomenti importanti ci siamo detti che non potevamo chiamarci fuori da questa fase della nostra storia. Ci siamo detti che c’erano già libri, inchieste, analisi e che quindi bisognava raccontare una storia con al centro un personaggio che non ‘diventa’ fanatico ma lo è già. Con il cinema cercavamo di capire se e come si poteva uscire da questo fanatismo. Volevamo poi focalizzarci su quello che poi, insieme anche a condizioni economiche e sociali ma con un peso fondamentale, è determinante: il fanatismo religioso.